Cesco Magnolato, la forza del segno

Pinterest

Sarà un artista molto prestigioso il gradito ospite del secondo appuntamento della rassegna Arte Contemporanea 2017 a cura di Alessandra Santin.
Cesco Magnolato artista pluripremiato e 1° premio alla XVII Biennale di Venezia – sezione incisione – presenterà proprio negli spazi espositivi di Area Eventi 38 di BID ON fashion alcune delle sue opere più interessanti.
Magnolato, nato a Noventa di Piave nel 1926, dopo una breve esperienza a Burano come disegnatore di vetri artistici, si dedica alla pittura, sviluppando una poetica personale in cui la campagna – soprattutto quella caratterizzata dal paesaggio invernale scarnificato e capace di mettere a nudo l’architettura degli oggetti – diventa uno dei temi ricorrenti. Anche l’Esodo, inteso come esodo biblico, è un altro soggetto a cui il maestro veneto è particolarmente legato e che svilupperà in modo approfondito per diversi anni sia nella pittura, che nell’incisione. Gli anni che trascorre a Venezia segnano il suo percorso artistico: la sperimentazione non cede al compromesso della falsa identità e della ricerca del sensazionalismo, ma piuttosto diventa per Magnolato un mezzo per potersi esprimere.

cesco-magnolato-1
La forza del segno, una costante in tutti i suoi lavori, ha la stessa importanza dell’utilizzo di tinte decise. L’opera di Magnolato è contraddistinta da un cromatismo intenso che egli usa per raccontare l’umanità e la natura della sua terra.
Nell’incisione – di cui egli ha sperimentato ogni tecnica – si ritrovano ugualmente la forza del segno e i tratti decisi elaborati grazie alla sua spiccata abilità nel disegno.
Per la critica è stato sempre difficile collocare il suo operato artistico: pur essendo veneto, ma non veneziano, si abbandona a tratti che richiamano atmosfere nordiche, dove la potenza del segno e i colori scuri si fanno spazio sul supporto.

cesco-magnolato-2

Cesco Magnolato ha partecipato alle più rinomate esposizioni di pittura e grafica, tra cui evidenziamo la XXVIII, XXVIII, XXIX Biennale Internazionale di Venezia e la mostra dei Grandi Premi della Biennale Internazionale di Venezia dal 1948 al 1960 Cà Pesaro – Galleria d’Arte Moderna del 1962.
È stato invitato alle Quadriennali Romane nel 1955, 1959,1965, alla Mostra “50 anni di Pittura Veneta” a Varsavia e a Vienna nel 1958, alla Mostra “Biennale de Paris” Esposizione Internazionale dei giovani artisti – Galleria d’Arte Moderna – Parigi 1959, alla III Biennale Internazionale d’Arte del Mediterraneo di Alessandria d’Egitto 1959-1960.
Inoltre, è stato invitato alla Mostra “Cultura Italiana oggi” organizzata dalla Biennale di Venezia a Copenaghen, Oslo, Goteborg 1961 e alla XXIV e XXVI Biennale Nazionale d’Arte Città di Milano 1965-1969. È stato invitato alla Mostra Internazionale sulla Resistenza a Berlino DDR “Intergrafik” nel 1965 e alla Mostra Internazionale “Intergrafik” nel 1967, 1970, 1984 e 1987 a Berlino; alla Mostra Biennale Internazionale della Grafica di Firenze nel 1968, 1972, 1976; alle Triennali Nazionali dell’Incisione – Palazzo delle Esposizioni, Milano nel 1968, 1980, 1986, 1990; alla IV Biennale Européenne de la Gravure de Mulhouse in Francia nel 1980; alla Biennale Europea a Heidelberg, Baden Baden nel 1981; alla Mostra Internazionale di “Arteder” a Bilbao (Spagna) nel 1982; alla VI Biennale Triveneta delle Arti a Piazzola sul Brenta nel 1983; alla Mostra “Incisori del Novecento nelle Venezie tra Avanguardia e Tradizione” a Gradisca d’lsonzo nel 1983; alla Mostra storico critica di pittura “Cronaca sul periodo dell’arte a Venezia fra il 1947 e 1967” a Venezia (Galleria Bevilacqua La Masa) nel 1984; alla Mostra d’Arte contemporanea sul tema “Padre Kolbe – l’Olocausto” a Varsavia (Polonia) nel 1984; alla Mostra di Artisti veneti presso il Museo del Castello di Praga e del Museo Nazionale di Bratislava, Cecoslovacchia, nel 1984-1985; dal X al XXVI Premio Nazionale di Pittura Contemporanea Città di Sulmona (L’Aquila); alla IV edizione del Premio Internazionale di Pittura “IBLA Mediterranea” a Modica (Ragusa) nel 1987; alla Mostra Incisori Veneti alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Budapest; Klagenfurt e all’Istituto Italiano di Cultura a Vienna nel 1988; alla Mostra della Regione Veneto “Arte oggi” per il Bicentenario 1788-1988 dell’Australia ad Adelaide, Sydney e Melbourne; alla I e II Biennale Nazionale di Incisione “Alberto Martini” a Oderzo (Treviso) nel 1988, 1990; al IV Premio di Pittura Sacra “F. Perotti” nel Museo diocesano d’Arte Sacra S. Apollonia a Venezia nel 1989; alla IV ennale d’Arte Città di Bibione “Avanguardia contro” nel 1989; alla I Biennale dell’Incisione contemporanea-Premio Tiepolo a Mirano (Venezia) nel 1998 e molte altre esposizioni, per cui ha ricevuto numerosi premi.
Ha illustrato con le sue opere testi poetici e narrativi ed esposto in oltre centodieci personali.

C’è grande attesa per conoscere quali saranno le opere che il Maestro Cesco Magnolato presenterà all’attento pubblico della rassegna Arte Comporanea 2017. A cura di Pier Appolloni.
Appuntamento al 8 aprile ore 18.00 presso gli spazi espositivi di  Area 38  di BID ON fashion.

Cesco Magnolato, inaugurazione 8 aprile ore 18.00 – a cura di Pier Appoloni
presso gli spazi espositivi Area Eventi 38, in via Fermi 24 a Fossalta di Portogruaro (VE).
La mostra è visitabile dal 8 aprile al 30 giugno con i seguenti orari:
LUNEDì
15:00-19:00
MARTEDì – DOMENICA
09:00-12:30 / 15:30-19:30

Comments

comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>